Taggato: Manuali

Di che giardino sei?

Di che giardino sei?

Conoscersi attraverso un simbolo

Duccio Demetrio

Mimesis, 2016

 

Il giardino, nelle sue molteplici forme mediante le quali le donne e gli uomini lo hanno concepito, coltivato, fatto rinascere, ha rappresentato di volta in volta il riemergere di desideri, diritti, narrazioni, immagini della nostra umanità, ispirati alla ricerca del bello e della quiete, della laboriosità o dell’ozio, della lentezza e dell’attesa, del bisogno di silenzio. I giardini, nella loro grandiosità o nella insignificante modestia sono da sempre il nostro specchio: riflettono le nostre concezioni della vita, della nostra persona e del carattere, dei nostri stati d’animo e dell’età che, dinnanzi all’apparire di tali interessi, avanzata ci invoglia più di prima ad occuparcene con maggiore determinazione. A nostra immagine e somiglianza li abbiamo inventati, immaginati e realizzati. Ogni giardino il cui nome sia appropriato è portatore di una sua filosofia sofisticata o del tutto pop. In ragione del rapporto con la natura, con la nozione di bello o di sgraziato,con l’idea di ordine o di disarmonia i giardini hanno finito con l’assomigliarci o viceversa. Essi ci ricordano qualcosa di noi insomma, sia coltivandoli in prima persona, sia invidiando chi ne possiede uno ben tenuto , sono una metafora, nella varietà delle loro specie, del nostro agire ed essere nel mondo

Rilanci

Letture –  La religiosità della terra, Duccio Demetrio, Raffaello Cortina, 2013

Film – Oltre il giardino, Hal Ashby, 1979, Stati Uniti, Gran Bretagna, Giappone

Musica –  L’après midi d’un Faune – Preludio, Claude Debussy

 

Genere

Saggistica

Parole Chiave

Giardini, simboli scrittura, autobiografia, manuali

Trama

Attraverso la ricomposizione delle immagini, dei ricordi, delle fantasie che costituiscono l’archetipo del nostro giardino intimo ognuno di noi può imparare a conoscere più in profondità se stesso e gli altri. Questo saggio restituisce il giardino alla sua funzione di luogo e produzione del mito. Un mito personale, liberato dalle convenzioni uniformanti della dimensione sociale, per accogliere lo spazio interno e privato della memoria, dell’attenzione amorevole a quel che si è stati, a quello che si sceglie di essere

Autore

Già professore ordinario di Filosofia dell’educazione e di Teorie e pratiche della narrazione, è ora direttore scientifico della Libera università dell’ Autobiografia di Anghiari, da lui fondata nel 1998 con Saverio Tutino e di “Accademia del silenzio”. Si occupa di pedagogia sociale, educazione permanente, educazione interculturale ed epistemologia della conoscenza in età adulta. Tra le numerose pubblicazioni ricordiamo: Le solitudini degli uomini. L’interiorità maschile (2010),  Perché amiamo scrivere. Filosofia e miti di una passione(2011) e La religiosità delIa terra. Una fede civile per la cura del mondo(2013). L’ultimo suo libro si intitola L’ingratitudine – la memoria breve della riconoscenza, Raffaello Cortina, 2016

Bibliografia

Tutti i libri di Duccio Demetrio si possono consultare o richiedere in prestito nelle biblioteche, sul sito della Rete Bibliotecaria bergamasca

 

Link

La scheda del libro sul sito web dell’editore, disponibile anche in e-book

Una presentazione fatta a Fahreneit – i libri e le idee – Rai Radio tre

 

Altro

Foto Terapia. Metodologia e applicazioni cliniche

Foto Terapia. Metodologia e applicazioni cliniche

Judy Weiser

Franco Angeli, 2013 (Psicoterapie)

fototerapia_weiser

 

“Se conservi ancora la mia fotografia, vuol dire che mi tieni ancora nel cuore”

Sapeva esattamente quello che voleva: “là accanto a quell’albero, con il mare sullo sfondo”. Osservò la scena per comporla nella sua mente e poi tracciò una X sul terreno con il suo piede per segnare l’esatto punto in cui la sua amica avrebbe dovuto mettersi con la macchina fotografica. “Aspetta a scattare finché non sono pronta e sono in posa con il mio braccio attorno all’albero. Quando sorrido, fai la foto e stai attenta a non includere nessun altro nella foto”. E la sua maica fece del suo meglio per soddisfare le sue richieste. Guardando tutto questo dal balcone dell’hotel, fui colpita nuovamente dalla precisione delle aspettative che le persone hanno riguardo alla registrazione fotografica dei loro momenti speciali. Ero anche abbastanza in ansia per l’amica della donna che ci si aspettava scattasse quell’immagine perfetta che avrebbe poi dovuto testimoniare la bella vacanza.

Mi chiesi cosa ne sarebbe stato di quel singolo scatto: sarebbe stato custodito nella sua casa a memoria di una vacanza passata con un’amica o sarebbe stato immediatamente bocciato perché non era come lei lo aveva immaginato? Le sarebe piaciuto come appariva nell’immagine finale o forse avrebbe trovato che invece le ricordava sua madre? Magari questa foto avrebbe portato alla memoria ricordi associati ad altri luoghi, altre persone, altri momenti della vita, collegandosi ad esperienze simili o sarebbe servita solo come icona di un momento felice e isolato in confronto alla successiva disillusione? Era consapevole del fatto che quel momento che aveva scelto per fermare il tempo contenesse così tanti significati?

Rilanci

Film – Blow up di Michelangelo Antonioni, Gran Bretagna/Italia,1966 (Palma D’oro al Festival di Cannes, 1967)

Letture – Fotografia come terapia, Anna D’Elia, Meltemi, 1999

Musica – Rimmel, Francesco De Gregori, dall’omonimo album, RCA, 1975

Genere

Saggistica

Parole Chiave

Fotografia, terapia, manuali

Trama

“…Questo manuale insegna ad usare in terapia foto e album di famiglia ed avviare così con i pazienti un dialogo che consenta di dare forma a sentimenti che altrimenti potrebbero rimanere celati all’indagine verbale. Judy Weiser spiega come usare questo dialogo per riportare alla memoria informazioni e ricordi dimenticati, frenati o rimossi, e come applicare queste intuizioni ad una efficace strategia terapeutica. Il manuale propone sia un quadro teorico in cui la tecnica si cala, sia tecniche dettagliate, illustrazioni aneddotiche ed esercizi pratici che aiuteranno gli psicoterapeuti ad avvicinarsi a questa pratica. Guardando tutti i tipi di fotografie – quelle che il paziente colleziona, quelle per le quali posa, o quelle che scatta – la Weiser spiega come far entrare il paziente in contatto con il linguaggio fotografico.
Fornendo esempi tratti da casi reali per illustrare come le risposte dei pazienti possano essere integrate nel processo terapeutico, Judy Weiser presenta uno strumento che può essere utilizzato indipendentemente dalla matrice teorica di riferimento.
Inoltre, ai lettori viene offerta la possibilità di scaricare da questo sito nell’area Biblioteca Multimediale, un ricco materiale aggiuntivo di esercizi ed esempi” (dalla presentazione del manuale sul sito di Franco Angeli)

Autore

Judy Weiser, psicologa, arte-terapeuta, consulente, formatore, docente universitario, ha speso più di 35 anni a studiare, spiegare ed insegnare la Foto Terapia. Dirige il PhotoTherapy Centre di Vancouver, Canada.

Bibliografia

Fototerapia. Metodologia e applicazioni cliniche è il suo unico libro

Link

La scheda del libro sul sito web dell’editoredisponibile anche in e-book

http://www.francoangeli.it/Ricerca/Scheda_libro.aspx?CodiceLibro=1250.224

Sulla stessa pagina due link ad altrettante recensioni apparse su diverse testate.

Il sito del Phototherapy-centre di Vancouver diretto da judy Weiser

 

 

Altro

Era una notte buia e tempestosa

Era una notte buia e tempestosa. Piccoli esercizi di scrittura creativa

Davide Giansoldati – Ivan Ottaviani

Editrice bibliografica, 2015 (I libri di wuz)

era-una-notte-buia-e-tempestosa-9788870758399

 

Era una notte buia e tempestosa è l’incipit per antonomasia che tutti conoscono e associano alle imprese letterarie di Snoopy, che nel corso degli anni è diventato l’icona dell’autore esordiente…

Era una notte buia e tempestosa è uno dei simboli delle scuole di scrittura creativa e anche noi lo abbiamo utilizzato all’interno dei nostri incontri di Writers and Readers. E ci sembrava giusto intitolare così questo libro, come tributo a questo incipit leggendario… Seguendo il nostro stile questo non è solo un libro da leggere, è anche da scrivere, da rileggere, da riprendere a distanza di tempo per trovare nuovi stimoli e idee per raccontare storie.. Se la paura del foglio bianco può sembrare simile al tormento di una notte buia e tempestosa, con questo libro, vogliamo cercare di portare il sereno nel cielo della scrittura che, prima di tutto, è un gioco, una sfida creativa, è il risultato di tante lampadine che si accendono per una nuova idea.

Rilanci

Film Julie e Julia di Nora Ephron, Stati Uniti, 2009

LetturePubblicare un libro, Maria Grazia Cocchetti, Editrice bibliografica, 2015 (I libri di Wuz)

Genere

Saggistica

Parole Chiave

Scrittura, Incipit, Manuali

Trama

Dall’incipit più famoso della letteratura (nonostante l’autore sia un cane bracchetto), un agile manuale di scrittura creativa, a cura degli stessi autori di Scrivilo!.

Attraverso nove capitoli, il lettore è guidato in un percorso che parte dalle “componenti fondative” della narrazione come la descrizione dei luoghi, dei personaggi, degli oggetti. Come gestire poi i dialoghi al meglio? Come non perdere di vista l’azione? Come riuscire a trovare la propria “voce”?

Stimolante e denso di spunti eterodossi (avreste mai pensato di scrivere un dialogo tra un Comic Sans e un Times New Roman?), un piccolo scrigno di esercizi pratici da tenere sempre accanto alla tastiera per vincere timidezze e il timore del foglio bianco. (Dalla presentazione editoriale del sito Editrice Bibliografica )

Autori

Davide Giansoldati e Ivan Ottaiani sono formatori e autori di diversi manuali di scrittura. Hanno ideato il metodo “Writers and Readers” per migliorare la propria scrittura basato su quattro pilastri importanti: scrivere,leggere, ascoltare e valutare. È il frutto di sei anni di corsi di formazione, progetti, esperimenti e feedback che hanno portato alla creazione di un manuale a questo dedicato, Scrivilo!

Bibliografia

I libri di Davide Giansoldati e Ivan Ottaviani

http://www.editricebibliografica.it/cerca.php?s=giansoldati

Link

La scheda del libro sul sito web dell’editore, disponibile anche in e-book

La recensione della pubblicazione apparsa su aphorism

 

 

 

Altro

LAVORO DUNQUE SCRIVO – CREARE TESTI CHE FUNZIONANO PER CARTA E SCHERMI

Lavoro dunque scrivo – Creare testi che funzionano per carta e schermi
Luisa Carrada
Zanichelli, 2012 (Comunicare)







CITAZIONE 
L’autrice di questo libro lavorava già da alcuni anni quando internet è arrivata a sparigliarle tutte le carte. Si è trovata nel bel mezzo della pacifica rivoluzione: mettersi improvvisamente a scrivere (e a leggere) su tanti strumenti di comunicazione diversi le è piaciuto moltissimo, fino ad appassionarla. 
Anche lei qualche volta si è persa seguendo le evoluzioni del testo, sperimentando nuovi strumenti e tecnologie, dividendosi tra carta e web, tra libri e tweet, tra scritture professionali e personali. Se alla fine ha sempre trovato la sua strada è perché portava con sé la cassetta con gli attrezzi del mestiere, quelli di base. Ogni volta di fronte a un problema li ha tirati fuori, provati e riprovati per trovare la soluzione. Non sono moltissimi e funzionano, con i dovuti adattamenti, 
per scrivere sia per la carta che per lo schermo. 


RILANCI:
Film:

Quarto potere (Citizen Kane) di Orson Wells, 1941

Libri:

Perché amiamo scrivere di Duccio Demetrio. Raffaello Cortina, 2011

Musica:

So flute di St Germain. Dall’album Tourist, Emi, 2000


GENERE:

Saggistica 

PAROLE CHIAVE

Scrittura, Manuali.

TRAMA: 

Inutile negarlo, la scrittura è prepotentemente tornata in auge e anche se le forme sono cambiate, anzi sono in continua trasformazione, è sempre con forme nuove di una tecnica antica che abbiamo a che fare. Così anche se non siamo degli scrittori o dei giornalisti, tutti siamo sempre più sollecitati ad usare la scrittura per lavoro o per diletto. Siamo quindi spinti, a volte costretti, a cercare le parole giuste per comunicare il nostro pensiero attraverso le molte email di ogni giorno,oppure per fare la sintesi di una riunione, o per redarre un verbale, per scrivere un curriculum efficace, per occuparci degli aspetti comunicativi di un’azienda, o per raccontare di noi e delle nostre passioni sui social media. Il libro segnalato risulterà molto utile per tutti questi scopi perché, non solo approfondisce gli argomenti più classici dei manuali di scrittura (come il lessico o la sintassi), ma anche quelli più innovativi relativi alle nuove tipologie testuali come le liste, i numeri, le tabelle grafiche e i microcontenuti, corredando ogni capitolo con esempi, esercizi di riscrittura ed efficaci sintesi dei contenuti.


AUTORE: 

Luisa Carrada, laureata in lettere moderne con specializzazione in storia dell’arte, ha lavorato a Radio Rai, è copywriter e editor in una grande azienda, autrice del sito e del blog il mestiere di scrivere. com, studiosa di comunicazione e formatrice. Ha pubblicato diversi articoli sulla scrittura professionale e due manuali sempre sul tema. 
BIBLIOGRAFIA: 
Il sito e il blog dell’autrice.

La videointervista di Rai educational
Altro