Di che giardino sei?

Conoscersi attraverso un simbolo

Duccio Demetrio

Mimesis, 2016

 

Il giardino, nelle sue molteplici forme mediante le quali le donne e gli uomini lo hanno concepito, coltivato, fatto rinascere, ha rappresentato di volta in volta il riemergere di desideri, diritti, narrazioni, immagini della nostra umanità, ispirati alla ricerca del bello e della quiete, della laboriosità o dell’ozio, della lentezza e dell’attesa, del bisogno di silenzio. I giardini, nella loro grandiosità o nella insignificante modestia sono da sempre il nostro specchio: riflettono le nostre concezioni della vita, della nostra persona e del carattere, dei nostri stati d’animo e dell’età che, dinnanzi all’apparire di tali interessi, avanzata ci invoglia più di prima ad occuparcene con maggiore determinazione. A nostra immagine e somiglianza li abbiamo inventati, immaginati e realizzati. Ogni giardino il cui nome sia appropriato è portatore di una sua filosofia sofisticata o del tutto pop. In ragione del rapporto con la natura, con la nozione di bello o di sgraziato,con l’idea di ordine o di disarmonia i giardini hanno finito con l’assomigliarci o viceversa. Essi ci ricordano qualcosa di noi insomma, sia coltivandoli in prima persona, sia invidiando chi ne possiede uno ben tenuto , sono una metafora, nella varietà delle loro specie, del nostro agire ed essere nel mondo

Rilanci

Letture –  La religiosità della terra, Duccio Demetrio, Raffaello Cortina, 2013

Film – Oltre il giardino, Hal Ashby, 1979, Stati Uniti, Gran Bretagna, Giappone

Musica –  L’après midi d’un Faune – Preludio, Claude Debussy

 

Genere

Saggistica

Parole Chiave

Giardini, simboli scrittura, autobiografia, manuali

Trama

Attraverso la ricomposizione delle immagini, dei ricordi, delle fantasie che costituiscono l’archetipo del nostro giardino intimo ognuno di noi può imparare a conoscere più in profondità se stesso e gli altri. Questo saggio restituisce il giardino alla sua funzione di luogo e produzione del mito. Un mito personale, liberato dalle convenzioni uniformanti della dimensione sociale, per accogliere lo spazio interno e privato della memoria, dell’attenzione amorevole a quel che si è stati, a quello che si sceglie di essere

Autore

Già professore ordinario di Filosofia dell’educazione e di Teorie e pratiche della narrazione, è ora direttore scientifico della Libera università dell’ Autobiografia di Anghiari, da lui fondata nel 1998 con Saverio Tutino e di “Accademia del silenzio”. Si occupa di pedagogia sociale, educazione permanente, educazione interculturale ed epistemologia della conoscenza in età adulta. Tra le numerose pubblicazioni ricordiamo: Le solitudini degli uomini. L’interiorità maschile (2010),  Perché amiamo scrivere. Filosofia e miti di una passione(2011) e La religiosità delIa terra. Una fede civile per la cura del mondo(2013). L’ultimo suo libro si intitola L’ingratitudine – la memoria breve della riconoscenza, Raffaello Cortina, 2016

Bibliografia

Tutti i libri di Duccio Demetrio si possono consultare o richiedere in prestito nelle biblioteche, sul sito della Rete Bibliotecaria bergamasca

 

Link

La scheda del libro sul sito web dell’editore, disponibile anche in e-book

Una presentazione fatta a Fahreneit – i libri e le idee – Rai Radio tre