Archivio Mensile: settembre 2015

L’ultimo arrivato

L’ultimo arrivato

Marco Balzano

Sellerio, 2014

premio-campiello-2015-biblioteca-divenire

 

Comunque i giorni prima di partire non riuscivo a mettere il naso fuori di casa. Mio padre mi diceva se ero diventato una monachella, ma io non sapevo che dirgli… Un pomeriggio si affacciò al balcone il maestro Vincenzo che sbatteva le lenzuola per far cadere le cimici…

Vieni a trovarmi . Mi disse

Disse che a Milano potevo essere felice. Disse proprio felice e ricordo che la parola mi sembrò come i pantaloni per la campagna. Grande e mala adatta.

“La migliore cosa è scrivere giorno per giorno quello che ti succede. Poche righe possono bastare” disse frugando in un cassetto. “ certe volte si rientra da lavoro stanchi e non si vuole più saperne di niente” e mi allungò un quaderno che chiamò diario perché dentro aveva le date e le ricorrenze dei santi.

“Devo scrivere qui sopra quello che faccio durante il giorno? E’ un compito?” gli domandai come fossimo in classe.

“Su questo diario puoi farci quello che vuoi – continuò senza badarmi -Ti sembrerà di parlare con una persona che la pensa come te. Puoi annotare le cose che fai, ma pure quello che non riesci a confidare a nessuno.”

Rilanci

Film – Così ridevano, Gianni Amelio, 1998 (Leone d’oro alla 55° Mostra del Cinema di Venezia)

 

Letture – La scuola raccontata al mio cane, Paola Mastrocola, 2004

 

Musica – Now that I know Who I am, Nona Hendrix, soundtrack del film Precious

 

Genere

Narrativa – Memorie e diari

Parole chiave

Memoria, bambini, emigrazioni

Trama

Negli anni Cinquanta a spostarsi dal Sud al Nord in cerca di lavoro non erano solo uomini e donne, ma anche bambini che non si erano mai allontanati da casa. Il fenomeno dell’emigrazione infantile coinvolse migliaia di ragazzini che dicevano addio ai genitori, ai fratelli, e si trasferivano, spesso per sempre, nelle lontane metropoli. Questo romanzo è la storia di uno di loro, di un piccolo emigrante, Ninetto detto pelleossa, che abbandona la Sicilia e si reca a Milano. Quando arriva a destinazione, davanti agli occhi di un bambino che non capisce più se è “picciriddu” o adulto si spalanca il nuovo mondo, Ninetto si getta in quella città sconosciuta con foga, cammina senza fermarsi, cerca, chiede, ottiene un lavoro, la scoperta della vita e di sé. Ad aiutarlo c’è poco o nulla, forse solo la memoria di lezioni scolastiche e qualche incontro felice. di qualche anno di Elementari.. E tutto gli accade come per la prima volta…

Autore

Marco Balzano è nato a Milano nel 1978, dove vive e lavora come insegnante di liceo. Ha esordito nel 2007 con la raccolta di poesie Particolari in controsenso (Lieto Colle, Premio Gozzano). Nel 2008 è uscito il saggio I confini del sole. Leopardi e il Nuovo Mondo (Marsilio, Premio Centro Nazionale di Studi Leopardiani). Il suo primo romanzo è Il figlio del figlio che ha vinto numerosi premi nazionali ed è stato tradotto in tedesco . Con l’editore Sellerio ha pubblicato Pronti a tutte le partenze (2013) e L’ultimo arrivato (2014) che ha vinto la 53° edizione del Premio Campiello.

Bibliografia

Tutti i libri di Marco Balzano sul sito di e-commerce, ibs.com

 

Links

La scheda del libro sul sito dell’editore Sellerio

 

Un articolo di Repubblica.it in occasione dell’assegnazione del 53° Premio Campiello

 

Marco Balzano racconta il suo romanzo su Letteratitudine news

 

Un articolo apparso su Rai.cultura

 

 

Altro

Scarti

Scarti

Jonathan Miles

Minimum Fax, 2015 (Sotterranei, 183)

 

scarti

 

 

La spazzatura era l’unica cosa sincera prodotta dalla civiltà, perché era lì che andavano a finire tutti i segreti, tutte le lettere d’amore degli adulteri, e le armi degli omicidi e le poesie incompiute e le fotografie venute male e le bottiglie di liquore vuote che non verranno mai contate e i mucchi di fazzoletti di carta inumiditi da una donna che non capisce perché si sveglia alle tre del mattino e scivola in silenzio accanto al marito perfetto e ai figli perfetti addormentati per piangere al tavolo della cucina su imperfezioni a cui non sa dare nome. Era tutto lì dentro e aspettava solo di essere violato; i fascicoli segreti dell’umanità, riversati settimanalmente sui marciapiedi.

Rilanci

Film – America oggi (Short cuts), Robert Altman, 1993

 

LettureLe correzioni, Jonathan Franzen, Einaudi, 2014 (Super ET)

 

Genere

Narrativa

Parole Chiave

Memoria, alzheimer, rinascita

Trama

“Talmadge e Micah abitano abusivamente in un appartamento di Manhattan, vivendo serenamente degli avanzi che trovano nei cassonetti, ma il loro equilibrio subisce una scossa quando devono ospitare un vecchio compagno universitario di lui. Elwin, un linguista di mezza età lasciato dalla moglie, deve fare i conti con un padre malato che va perdendo la memoria. Sara, un’avvenente vedova dell’11 settembre, vede sgretolarsi il rapporto con la figlia adolescente e con il secondo marito, Dave, un uomo che ha costruito la sua fortuna riscuotendo debiti scaduti. E mentre i personaggi seguono i loro percorsi – tra epifanie e rese dei conti, vecchi debiti da pagare e tentativi di comunicare con le generazioni future – le storie si muovono verso una convergenza ineluttabile e un epilogo che per il lettore sarà difficile dimenticare. A partire dai detriti, reali e metaforici, delle loro esistenze, Jonathan Miles costruisce un romanzo corale dagli incastri perfetti, tenuto insieme da una prosa impeccabile (e a tratti esilarante) e da una profonda riflessione etica sul concetto di spreco e di consumo, per giungere alla conclusione che tutto, ma proprio tutto, può essere salvato” (dal sito della casa editrice italiana)

Autore

Jonathan Miles (1971) ha esordito con il romanzo Dear American Airlines, nominato dal New York Times «Notable Book» e miglior libro dell’anno da Wall Street Journal, Los Angeles Times e Pittsburgh Post-Gazette. Ha scritto per ilNew York Times e i suoi racconti sono comparsi in numerose antologie. (dal sito della sua casa editrice italiana)

Bibliografia

Scarti è l’unico libro tradotto in italiano.

Jonathan Miles è diventato famoso con Dear American Airlines

 

Link

Speciale “Scarti” – La nota del traduttore

Una recensione pubblicata sul blog il club dei libri

La recensione pubblicata da “Internazionale” a giugno 2015

Altri commenti al libro, li potete trovare sul sito dell’editore italiano Minimum Fax

 

Altro