Perché essere felice quando puoi essere normale?


Jeanette Winterson


Arnoldo Mondadori, 2012 e 2014 in Oscar Contemporanea









CITAZIONE

Cercare la felicità, e io l’ho fatto, e lo faccio tuttora, non equivale affatto ad essere felici, una condizione che io trovo effimera, dipendente dalle circostanze e un po’ ottusa.Se il sole splende, goditelo, sì, sì, sì. I giorni felici sono una benedizione, ma i giorni felici passano, devono passare, perché il tempo passa.La ricerca della felicità è più elusiva: dura tutta una vita e non è vincolata ad uno scopo.
Quello che cerco è il significato: una vita che abbia un significato. C’è l’hap, il fato, la giocata che è tua e non è prefissata, ma cambiare il corso del fiume, o dare nuove carte, qualunque sia la metafora che preferisci usare, richiederà un sacco di energie.Ci saranno volte in cui andrà così male che sopravvivrai a malapena e volte in cui capirai che sopravvivere a malapena secondo i tuoi parametri è meglio che vivere una vita pomposa secondo i parametri degli altri.La ricerca non è tutto o niente: è tutto. E niente, come ci insegnano le quest stories.


RILANCI

Film:

The Hours, Le ore, Stephen Daldry, 2002

Letture:


Non ci sono solo le arance, Jeanette Winterson, Arnoldi Mondadori, 1999 (Piccola biblioteca Oscar)

Musica:


L’orologio degli dei, Giovanni Allevi. Tratto da Joy, Ricordi- Sony, 2006

GENERE


Narrativa

PAROLE CHIAVE 


Autobiografia – Identità – Letteratura – Scrittura

TRAMA 


Jeanette Winterson riscrive la sua storia, quella di un’infanzia difficile con i genitori adottivi. A sedici anni – è l’autunno del 1975 – Jeanette sceglie di essere felice, abbandona la casa dei genitori pur di continuare a vedere la ragazza di cui è innamorata e vive per alcuni mesi in una Mini abbandonata, finché la sua insegnante di letteratura le offre un letto a casa sua. E’ la storia di una lotta per la sopravvivenza, della continua ricerca di un senso e di come il suo amore per la lettura e per la scrittura le abbiano più volte salvato la vita.

AUTORE


Jeanette Winterson è considerata una delle migliori scrittrici inglesi viventi. E’ vissuta nel nord dell’Inghilterra e ora vive a Londra. Ha esordito con il romanzo Non ci sono solo le arance che ha vinto il celebre Whitbread First Novel, poi diventata una fortunata serie televisiva della BBC. In Italia è diventata famosa con il romanzo Scritto sul corpo, pubblicato dalla Mondadori che ha pubblicato molti altri suoi libri, tra cui Il sesso delle ciliegie romanzo con cui l’autrice vinse nel 1989 il premio dell’American Arts and Letters Academy.

BIBLIOGRAFIA 


Tutti i libri di Jeanette Winterson, tradotti in italiano sul sito ibs.com


LINK


La scheda del libro sul sito dell’editore

Una recensione dalle pagine della Biblioteca San Giorgio di Pistoia


Un’intervistaalla Winterson apparsa su ilmiolibro.it